El Chapo, al processo sms 'amorosi'

(ANSA) – NEW YORK, 10 GEN – Negli ultimi mesi i 18 giurati del processo contro Joaquin El Chapo Guzman hanno visionato tantissime prove sui segreti del signore messicano della droga.
E spuntano anche nuovi dettagli, più privati: i messaggini che il narcotrafficante ha inviato alla moglie Emma Coronel Aispuro e all’amante, ottenuti dall’Fbi con l’aiuto di un esperto informatico che lavorava con Guzman.
Messaggi che – come riporta il New York Times – ritraggono El Chapo come un donnaiolo seriale, ma anche come un uomo che faceva affidamento sulle sue donne per portare a termine le operazioni quotidiane.
Nelle carte presentate alla Corte Distrettuale di Brooklyn si legge delle ‘enchiladas’ di Emma che hanno fatto innamorare il boss, di quando El Chapo le disse di fuggire da un’incursione della polizia in uno dei suoi rifugi, o di quando le ordinò di nascondere delle armi temendo l’arrivo degli agenti.
Poi ci sono gli sms verso una delle sue amanti, Agustina Cabanillas Acosta, che sospettava che Guzman la facesse spiare.