Eleganza controllata

Nero, inchiostro nero su pagina nera ecco cio' che scrivo, dove scrivo e mani inguantate smorzano sensibilita' e tatto diviene artificiale sensazione, finto percepire, immaginazione che compensa sensi e voglie, desideri e bisogno di una eternita' rapita, mancata, piu' volte evitata a questo punto rassegnata.Non tutte le porte possono essere aperte, vi sono stanze senza luce ed elettricita', freddo e se non freddo umido, polvere gia' depositata e pesante, grigio e antico ordine che sa d'abbandono voluto, mai forzato perche' abbandonare e' scelta o codardia, costrizione solo occhi sigillati in corsa cieca nell'illusione che nulla termini mai, che ginocchia reggano ogni sforzo, ogni movimento, ogni scatto che prescinde il gesto e la ragione.Non tutte le pareti proteggono e finestre talvolta celano fuori da dentro, rosso selciato ora immaginato, viola vestito pieno e morbido, scambio che non costa eppure non gratuito ma dita spossate non vogliono contare e altre parole non vogliono uscire, desiderano senza sforzi ne' fatica, aride di storie, annoiate da storia, partecipano a rito d'individuale confuso con pubblico ludibrio perche' si esiste solo in altrui occhi, esclusivamente in altri discorsi come fossimo riflessi, ombre, proiezioni, invenzione di un insieme che annulla individui e divora passioni finalizzandole e epica fuori luogo e fuori contesto, nascondendo realta' rifrangendola e scomponendola in frammenti a miliardi.No, non entro, non ora, parte timore, molta indifferenza, poca speranza, semmai fermarsi a lungo schiacciati sul fondo, luogo umido ma silenzioso, eppure caldo e a suo modo accogliente ed e' facile non avere altri pensieri se non i propri, infinito tempo in minuscolo spazio per abbracciare singoli piaceri, immortali necessita' che si ergono su rottami di modernita' abnorme e sfiancata, futuro che sa solo guardare avanti e non alto, bassa prospettiva che rasenta volonta' di nulla, desiderio sempre meno proibito, sempre meno scontato.
You walk in a room and the world stops to stareYou mesmerize all who are caught in the glare of the spotlight that follows wherever you go does it light up the emptiness

Leggi tutto l'articolo