Elezioni permanenti: di che sicurezza andate cianciando?

Mentre Matteo Salvini impazza nel suo delirio egemonico, arrivando al commissariamento prefettizio dei sindaci, ieri sera la puntata di Otto e mezzo su La 7 era l’ennesima conferma del vassallaggio linguistico (che poi è culturale) di una Sinistra benpensante e titubante nei confronti della Destra tracotante.
Iniziava la conduttrice evocando sulle dimissioni della presidente di Regione Umbria il fantasma “giustizialismo” (fantoccio polemico creato dagli spin-doctor berlusconiani, già al tempo di Mani Pulite, per cui il movimento peronista anni ’50 diventava sinonimo di uso persecutorio della giustizia). Proseguiva la candidata alle europee Alessandra Moretti proponendo il solito tema sicuritario come piattaforma per il rilancio del fantasmatico PD in cui milita (accompagnandone tutte le evoluzioni: da Bersani a Zingaretti passando per Renzi). Poi, davanti al severo cipiglio di un Tomaso Montanari alla Calamandrei (e nell’intento di rifarsi una verginità dopo la catastrofe personale ...

Leggi tutto l'articolo