Eneide: riassunto pag. 143

Virgilio per scrivere l'Eneide si ispirò ai due più grandi poemi della storia: l'Odissea e l'Iliade.
Come nell'Odissea, anche nell'Eneide racconta tutte le avventure straordinarie di un eroe che vaga per il mare.
Invece, come l'Iliade, anche l'Eneide narra una guerra dove i combattenti mostrano tutta la loro forza.
Però tra i poemi di Omero e il poema di Virgilio ci sono delle differenze.
Il poeta latino, infatti, immagina un'eroe, che oltre a essere forte, ha umanità e debolezze.
Poi inoltre Virgilio identifica Enea come capostipite della gens lulia, dove avevano fatto parte anche Cesare e Augusto.
Però l'Eneide, a differenza dei poemi greci, sono legate alla storia di Roma e al tempo in cui scrive l'autore.
L'Eneide stava molto a cuore ad Augusto perché, come abbiamo detto, lui voleva celebrare la grandezza della sua famiglia  e le origini gloriose di Roma.
Secondo la storia di Virgilio, Enea doveva trovare una nuova terra per fondare Roma.
Questa città era potente, quindi, per volantà divina, dato che a fondarla era stato il figlio di Venere.
Infine Augusto amava Enea perché lui era disposto a sacrificarsi per compiere il proprio dovere.
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        

Leggi tutto l'articolo