Eolie&Parco

di Christian Del Bono* Sull’istituendo parco nazionale delle Isole Eolie, abbiamo scritto il 15, il 25 e il 26 di marzo e persino dibattuto in sede assembleare di Federalberghi fino a manifestare pubblicamente la nostra volontà ad un processo partecipato che potesse portare all’istituzione di un parco il più possibile condiviso.
A circa un mese di distanza, assistiamo ancora ad “incontri” confusi e decisamente poco produttivi che rischiano di farci perdere di vista quello che dovrebbe essere l’obbiettivo: l’istituzione di un parco che funzioni.
Un parco che, stabilite le priorità di sviluppo, diventi un’importante strumento di valorizzazione e tutela del nostro territorio: né insulsa mummificazione né cementificazione miope e scellerata.
Ci permettiamo, pertanto, di proporre ancora una volta l’organizzazione di una serie di incontri tecnici nell’ambito dei quali affrontare le varie tematiche inerenti l’istituzione e il funzionamento del parco.
Entrando nel merito, non solo della perimetrazione ma anche del regolamento, dell’organo di gestione, degli apparati tecnici, dell’integrazione con gli altri strumenti di pianificazione del territorio ecc.
Ciascun incontro dovrebbe essere partecipato dai vari portatori d’interesse locali (categorie produttive, cittadini ecc.) anche in forma di rappresentanza e con un unico obiettivo: l’istituzione di un parco che, nel valorizzare al meglio il nostro territorio, sia in grado di attrarre e produrre ricchezza per la comunità locale.
Diversamente, continueremo a terrorizzarci a vicenda sugli ipotetici pro e contro del parco, ritrovandoci alla data di scadenza per la presentazione della documentazione, con un’ipotesi di parco che non avrà scelto nessuno di noi perché, nel frattempo, eravamo troppo impegnati ad azzuffarci anziché a cercare di comprendere come meglio gettare le basi per costruire un pezzo importante del nostro futuro.
*Presidente Federalberghi Isole Minori della Sicilia e presidente Federalberghi Isole Eolie

Leggi tutto l'articolo