Eolie, alberghi&pensioni

di Salvatore Leone In linea generale, alle Eolie non hanno soldi ma hanno tutti ragione.
I comuni che devono aumentare le tasse perchè non riescono a diminuire le spese ed i ticket mangiami-mangiami non bastano a soddisfare da soli le esigenze della vita pubblica.
Gli albergatori hanno bassi incassi, troppe spese, pochi clienti e tante tasse.
Così si trova la via di mezzo “svirgolettando” ed interpretando modus propri le leggi tra codici e codicilli.
Il messaggio degli albergatori è chiaro.
Caro comune, dove il caro sta come costoso e non affettuoso, se vuoi, questo possiamo pagare altrimenti ti attacchi al ticket.
Forse i comuni hanno sbagliato ad interpretare l’aliquota.
C’è però una categoria che adesso ha mille ragioni da vendere.
Un mio vicino di vicolo, titolare di pensione e proprietario di due case, mi dice : “ avvocato ( non mi da il caro perchè non conosce la parcella)", io che non ho l’albergo ma la pensione,e due case da aggiustare, devo pagare per l’IMU 0,76 oppure 0,96? Tenga presente che la mia pensione è di 452 euro al mese” ed ho un reddito di due fabbricati da riparare di E.10.000,00 l’anno.
Ho potuto solo rispondere: vedi tu, sei titolare di una pensione.
Percepisci quasi 16.000,00 euro l'anno.Hai un utile da pensione e fabbricati da riparare che non hanno gli albergatori che non riescono a produrre reddito.
Pertanto, devi pagare l'IMU secondo quanto stabilito dal Comune.
Altrimenti rischi il raddoppio delle tasse.
Il titolare della pensione, in arte pensionato, mi ha risposto: avvocato, io ho una pensione da fame.
Tra cinque anni, quando mi arriverà l'accertamento con il doppio dell'importo da pagare io...chissa dove sarò.
Il Comune potrà prendersi le mie case.
Gli farò un bel dispetto.
Si pagherà l’IMU e penseranno loro a ripararle.
Tanto non ho eredi”.Baciamo le mani e ricordatevi paghIMU li tassi chi nomi nuovi.

Leggi tutto l'articolo