Eolie, il ministro, il sindaco e l'Unesco

di Piero Lo Cascio* Oggi pomeriggio, appena sbarcato da un elicottero, il Ministro dell’Ambiente On.
Stefania Prestigiacomo ha rilasciato una intervista alla stampa locale con interessanti dichiarazioni sull’appartenenza delle nostre isole alla World Heritage List; citando l’esempio negativo di Dresda (cancellata dai Patrimoni dell’Umanità appena qualche giorno fa), ha ricordato che un sito deve ottemperare ai requisiti richiesti dall’Unesco per il mantenimento del riconoscimento e, infine, ha richiamato con soddisfazione la recente inclusione nella prestigiosa lista delle Dolomiti, che insieme alle Eolie adesso rappresentano gli unici siti italiani inclusi per i valori naturalistici.
È interessante notare come, appena qualche giorno fa, proprio l’ospite che l’ha ricevuta allo sbarco dall’elicottero, ovvero il sindaco Bruno, abbia rilasciato affermazioni di tutt’altro tenore.
A Lipari la vicenda è passata sotto silenzio, perché l’intervista è stata pubblicata domenica 28 giugno sull’inserto “Corriere del Trentino” del quotidiano “Corriere della Sera”, distribuito esclusivamente su scala regionale, in uno speciale sul nuovo Sito Unesco delle Dolomiti.
In un clima di intuibile soddisfazione generale, il sindaco Bruno si è premurato invece di allertare i suoi omologhi alpini dichiarando che quando le Eolie erano state inserite nel Patrimonio dell’Umanità non era stato imposto nulla, ma dopo sono arrivati vincoli e divieti; che appartenere alla World Heritage List era costato decine di posti di lavoro e il sacrificio di 80 famiglie; che “come sindaco pretendo la restituzione dei posti di lavoro persi e un congruo risarcimento all’impresa (Pumex) costretta a chiudere sotto la finta giustificazione di licenze scadute”; infine, sostenendo che i soldi dell’Unesco “sono un miraggio”.
Premesso che ognuno è libero di pensare e di dire ciò che vuole, mi sorge tuttavia il dubbio che l’On.
Prestigiacomo non sia una lettrice del “Corriere del Trentino”; altrimenti sarebbe rimasta quantomeno sorpresa, perché la verità è che: 1) alle Eolie, riconosciute proprio per l’importanza dei loro vulcani attivi e spenti, già nel 2000 era stata chiesta la tutela della propria morfologia, limitando i danni prodotti dall’estrazione della pomice; la Regione Siciliana e il Ministero dell’Ambiente avevano risposto che le cave disponevano di concessioni fino al 2002, senza previsione di rinnovo; ma tra il 2002 e la chiusura delle cave, nel 2007, si sono avuti cinque anni per proporre (o [...]

Leggi tutto l'articolo