Er San Francesco a le stimmate

Er San Francesco a le stimmateC'ereno già più ceri su l'artari,davanti a Gesù Cristo e a la Madonna,che fiare a' li fochetti der Corea:San Carlo a' Catinari, Sant'Andrea,er Gesù, la Minerva, la Rotonna,San Marco, Sant'Ignazzio, la Sapienza ...Dunque, in che dava la mania papalede faje un' antra bolla pe' licenza?Co' tante chiese intorno,lui lo capiva già dar primo giornoche la faccenna se metteva male!Ma la virtù der Santo è l'obbedienza.E, fatto er tempio, diede er bon esempio:ciabbandonò la quiete der convento,pe' méttese sull'arco der portale,in ginocchione, esposto all'acqua, ar vento ...Ma che je giova? Co' la boja rotache sèguita a giraje pe' traverzo,je se risorve tutto in tempo perzochè, più lui prega, più la chiesa è vôta!Armando FefèDa: Strenna dei Romanisti, 1952, pag.
81

Leggi tutto l'articolo