Er poeta

Er poetaAlla cara memoria diGiulio Cesare SantiniCaminciò a verseggià quasi pe' scherzo,poi ce se buttò drenta co' 'n'amoresfrenato e nun rimpianze er tempo perzodietro ar canto der core sognatore.Chiuso drento a lo studia l'ore e l'ore,rimaneggiava e cesellava er verzo,come l'avorio in mano ar tornitoreche l' attonna pe' dritto e pe' riverzo.Ar tramonto der sole, in un momentose vestiva e sortiva piano piano ...Cappello a rota e corvattone ar vento,se n'annava fra amichi e compagniecor vecchio core parpitante in manoe le saccocce piene de poesie.Francesco PossentiDa: Strenna dei Romanisti, 1960, pag.
148

Leggi tutto l'articolo