Eriocaulon cinereum

L’Eriocaulon cinereum fa parte del genere Eriocaulon e quindi della famiglia delle Eriocaulaceae a cui appartengono circa 1200 specie.
E’ una pianta annuale con struttura a rosetta che troviamo, in natura, in ambienti stagnanti e anche se molto difficile da individuare è presente anche in Italia.
E’ possibile coltivare questa rarità anche in acquario con le giuste attenzioni.
  Ha infatti bisogno di: - substrato acido - illuminazione medio - alta ( almeno 0,7 w/l secondo la mia esperienza ) - erogazione costante di Co2 ( concentrazione più indicata --> 25/30 ppm ) // // --> // --> //--> - fertilizzazione giornaliera e completa   La mia esperienza Circa un anno fa ho deciso di acquistare qualche esemplare di questa specie interessante per sperimentare la sua coltivazione su un substrato diverso dalle consigliate terre allofane ( ADA amazonia 1, akadama, ecc ).
L’importante infatti è che il substrato sia abbastanza acido quindi ho pensato di utilizzare il Nano Deponit Mix della Dennerle, nota azienda tedesca, che a differenza del Deponit mix contiene anche torbe naturali.
Questo substrato inoltre non da problemi di instabilità come l’amazonia ed è molto valido anche per specie di difficile coltivazione come gli eriocaulon.
Ho poi messo sopra uno strato di ghiaietto di quarzo della stessa ditta.
Per la fertilizzazione mi sono affidato sempre alla Dennerle acquistando i prodotti della linea base (v30 + e15) e l’a1 daily per fertilizzare giornalmente integrando minerali, oligoelementi e vitamine.
- In foto potete osservare i miei 2 giovani esemplari dopo circa un mese di coltivazione - Si nota subito la colorazione biancastra del centro della pianta, segno che ci fa capire che stiamo erogando la giusta quantità di co2.
La pianta cresce molto lentamente come nel caso di altri eriocaulon e per vedere esemplari adulti occorrono mesi.
Ho coltivato questa specie con i seguenti valori: - conducibilità 250-300 μS/cm; - kh 3-4; - gh 6-8; - ph 6-7; - temperatura 23-26 °C.
Se si dispone di vasche con colonne d’acqua di 25-30 cm (come nel mio caso) non è difficile osservare la fioritura.
- In foto la fioritura di un esemplare adulto di circa 5 mesi - - Particolare delle infiorescenze -   Come ho detto prima questa è una pianta annuale che quindi dedica l’ultimo periodo della sua vita alla riproduzione per poi morire.
  La riproduzione Esistono più modi per stimolare la pianta a riprodursi.
Un primo metodo è quello di estrarre la pianta dal substrato - Come si può notare dalla foto l’E.
cinereum ha un [...]

Leggi tutto l'articolo