Esce "1969" di Achille Lauro: 'Album di rottura e generazionale'

Milano, 11 apr.
(askanews) - Lo sbarco sulla Luna, il concerto di Woodstock, il mondo in fermento.
È il cambiamento la parola chiave di un anno come il 1969, scelto non a caso da Achille Lauro come titolo del suo nuovo album, (e di una delle 10 canzoni che contiene), che contiene Rolls Royce come prima traccia.
"Comunica esattamente quello che volevo comunicare, sicuramente cambiamento, spero sia un album di rottura, spero sia un album generazionale che riesca a parlare a tutti dai ragazzi più piccoli alle persone più grandi".
Un album che nasce per rimanere, dice, e alterna leggerezza a malinconia, mischiando stili diversi, comprese le sonorità degli anni '60 e '70.
02.14 sono stati 02.46 sonorità ---- "Sono stati un periodo di cambiamento, di espressione massima dell'arte, di voglia di libertà, noi abbiamo ripescato da quegli anni, quando uscì 'Ulalala' era già a livello di mood un po' hippie, colorato, figlio dei fiori, quindi già era una cosa che noi coltivavamo, adesso abbiamo spostato il sound su quel tipo sonorità".
Gli artisti in quegli anni hanno prodotto della musica che vende ancora oggi dopo 50 anni e a vedere il mercato usa e getta penso sia incredibile Anche dal tour, al via il 3 ottobre da Firenze, bisogna aspettarsi molte sorprese, dice.
(Le date per ora confermate del tour sono: 3 ottobre al Tuscany Hall di Firenze, 4 ottobre all'Atlantico Live di Roma, 7 ottobre al Fabrique di Milano, 10 ottobre al PalaEstragon di Bologna, 11 ottobre al Teatro Concordia di Venaria Reale (TO), 13 ottobre alla Casa della Musica di Napoli).
Da Milano nel giorno di uscita dell'album, venerdì 12 aprile, parte invece l'instore tour per incontrare i fan.

Leggi tutto l'articolo