Eugenia Costantini, la figlia di Laura Morante: "Anch'io fui abbordata da Weinstein"

«Anch'io ho rischiato di finire nella trappola di Weinstein, ma per sopravvivere bisogna saper dire di no a qualunque ricatto». Inizia così il racconto di Eugenia Costantini, attrice e figlia di Laura Morante, che con la madre è impegnata in questi giorni in una rivisitazione de 'La Locandiera'.
"Nel 2009 ero alla Mostra del Cinema di Venezia con il film 'Le ombre rosse' di Citto Maselli e il produttore mi abbordò sulla spiaggia - racconta Eugenia -

Io non l'avevo riconosciuto e lui mi mise in mano un biglietto da visita, proponendomi un aperitivo per parlare del mio futuro a Hollywood. Accettai portandomi dietro la mia agente, ma dopo mezz'ora di chiacchiere Weinstein mi propose di fare due passi da soli".
"Ci ritrovammo davanti all'ascensore dell'hotel, voleva che salissimo nella sua camera" spiega l'attrice, che si rifiutò di seguire il produttore. "Tentava di accarezzarmi la mano dicendomi che si era innamorato di me - prosegue Eugenia - Riuscii a divincolarmi e lo piantai in as...

Leggi tutto l'articolo