Evangelii gaudium

Evangelii gaudium [28] La WORLD WATCH LIST è la lista dei paesi dove esiste la persecuzione ed elenca 50 paesi secondo per l'appunto l’intensità della persecuzione che i cristiani affrontano per il fatto di confessare e praticare attivamente la loro fede.
E’ compilata da analisti di Porte Aperte specialisti della persecuzione ricercatori ed esperti sul campo operativo e indipendenti all’interno dei vari paesi sulla base di una mole di dati raccolti sul campo e tramite fonti attendibili.
I livelli assegnati sono basati su vari aspetti della libertà religiosa nella fattispecie identificano principalmente il grado di libertà dei cristiani nel vivere apertamente la loro fede in 5 aree della vita quotidiana nel privato in famiglia nella comunità in cui risiedono nella chiesa che frequentano e nella vita pubblica del paese in cui vivono a cui si aggiunge una sesta area che serve a misurare l’eventuale grado di violenze che subiscono.
Mappa WWList 2013 in PDF Cosa cambia rispetto alla precedente lista Vi proponiamo una sintesi dei cambiamenti avvenuti nella WWList 2013 rispetto a quella dell’anno precedente ricordandovi che il periodo coperto dalla WWList dal 1 Novembre 2011 al 31 Ottobre 2012.
• La Corea del Nord è al °1 posto della lista dei 50 peggiori persecutori dei cristiani per l’11° anno consecutivo.
Si stima che tra 50.000 e 70.000 cristiani soffrano in orribili campi di prigionia.
La persecuzione intensa è proseguita sotto il nuovo leader Kim Jong-Un.
Il numero di disertori (cioè nordcoreani che fuggono all’estero) in Cina è notevolmente diminuito nel 2012 e la metà di coloro che cercano di fuggire non ce la fanno.
• I primi 10 paesi nel 2013 dopo la Corea del Nord sono Arabia Saudita Afghanistan Iraq Somalia Maldive Mali Iran Yemen e Eritrea.
• Otto dei primi 10 sono paesi a maggioranza islamica.
La Corea del Nord è di stampo comunista mentre l’Eritrea è approssimativamente per metà musulmana e metà cristiana con un presidente che sposa una versione del marxismo.
• Il Mali al 7° posto e l’Eritrea al 10° sono le due nuove entrate nei primi 10.
Il Mali non era neppure nella WWList l’anno scorso e l’Eritrea era all’11° posto.
Oltre al Mali e all’Eritrea fra i paesi africani che risalgono la lista c’è l’Etiopia che sale dal 38° al 15° posto.
La Libia dal 26° sale al 17° e la Tanzania che non era fra i primi 50 sale al 24° posto.
La Nigeria rimane al 13° posto con molti cristiani e chiese prese di mira dal gruppo estremista islamico Boko Haram.
• Oltre al Mali [...]

Leggi tutto l'articolo