Evvabbeh......

Col sole negli occhi e decisa a svoltare sulla destra, freccia inserita e tutto in regola, mi accingo ad ingranare e impormi sulle macchine che MAI ti lascian passare come se solo loro dovessero andare a lavorare e.....per poco non investo un pover'uomo che era sulle striscie e in quel disgraziatissimo momento pure davanti alla mia macchina.
Inutili sono state le innumerevoli scuse (ero dispiaciuta davvero) se pure non gli ho fatto nulla, nemmeno toccato, mi ha mandata a fanculo.
Ora...capisco che l'errore è stato mio , ma avevo il sole negli occhi e l'ho visto all'ultimissimo, e comunque ho chiesto pure scusa...non mi pare il caso di farla lunga.
Però ammetto che , con un collasso simile, anche io non mi sentirei molto il Dalai Lama ma diventerei molto Ratzinger.  Pur tuttavia, dispiacendomi ancora ,vado avanti e arrivo in ufficio senza rischiare altri incidenti.
Sono di quelle persone dalla guida sicura, di quelle che ancora metton le frecce e si fermano se il semaforo è rosso.
Combatto quotidianamente contro gli istinti suicidi degli imprudenti motociclisti che fan di tutto per farsi investire deludendo le loro aspettative con l'esperienza di chi  oramai guida da anni.  Vedo una lenta, costante degenerazione delle abitudini alla guida quasi quotidianamente.
Le frecce sono un optional, le usavan giusto gli indiani....forse ancora qualche tribù sperduta....
Le precedenze? La legge della jungla......
I sorpassi? Se sei fortunato......vinca il migliore Ma quando arriva la bella stagione (quando?Piove da giorni) o quando ci sono partite importanti e partenze per le ferie la gente arriva a dare il peggio di sè 

Leggi tutto l'articolo