Ex lavoratori pomice, la commissione regionale da via libera all'emendamento. Sarà la volta buona?

La commisisone regionale al lavoro presieduta da Filippo Panarello, Pd, ha dato via libera all'emendamento "pro-ex lavoratori della pomice".
La novità è emersa nella riunione che si è coclusa poco fa a Palermo.
Sono anche intervenuti il sindaco Mariano Bruno, il capo gruppo del Pd Giacomo Biviano e una delegazione di ex operai.
I deputati regionali "bipartisan", dopo approfondito dibattito, si sono manifestati favorevoli ad approvare l'emendamento che non appena approvato dall'assemblea regionale siciliana, permetterà agli ex operai Pumex di essere inseriti al museo archeologico di Lipari.
Domani la questione passerà al vaglio della commissione regionale al bilancio.
A fine riunione un "cauto ottimismo" è stato espresso dal capo gruppo del Pd Giacomo Biviano.
“Finalmente – ha affermato Filippo Panarello, vicepresidente della commissione che oggi ha presieduto i lavori - si individua una prospettiva lavorativa per questi lavoratori che da tre anni vivono nell’incertezza.
Adesso bisogna aspettare le valutazioni della commissione Bilancio e della Presidenza dell’Ars che fino ad ora ha escluso la possibilità di inserire nella finanziaria norme riguardanti il personale.
Proprio per questo – conclude Panarello – abbiamo sollecitato il governo a proseguire nell’impegno a sostegno di questi lavoratori, così come concordato nell’incontro di febbraio tra i sindacati, la delegazione di deputati messinesi e l’assessore al Lavoro Lino Leanza.” Ed ecco l'emendamento: 1.
Le disposizioni di cui al comma 1 dell'articolo 8 della legge regionale 14 aprile 2006, n.
l6, sono estese ai lavoratori utilizzati in attività socialmente utili dal Comune di Lipari provenienti dalla crisi aziendale della PUMEX da impegnare presso i siti museali ed archeologici del Comune di Lipari.
Per le finalità del presente comma, a decorrere dall'esercizio finanziario 2010, il Fondo unico per il precariato, di cui all'articolo 71 della legge regionale 28 dicembre 2004, n.
17, è incrementato di 800 migliaia dì euro.
Le firme sono Panarello, Beninati, Buzzanca, Corona, Rinaldi, Picciolo.
 

Leggi tutto l'articolo