Excursus vitae

Con te dovrò combattere e litigare forte,perché tu apprenda che la sapienza ha un costo,in polvere di stelle e stalle di sogni infranticontro fonti estinte e secche senza fine. Con te dovrò abbracciarmi tante voltee tante volte sciogliermi,fino al limite del precipizio,quello dove se non ti butti ti butti via,e nel precipitare ingoi con l'arial'ariosa beatitudine. Non farti ingannare dai merli che sanno cantarene dalle farfalle cangianti,nel silenzio sii sorda e nell'etere volacome se lo sapessi fare. Non ti dirò mai più le cose che ti dissi un tempo,quando il tuo cuore era puro e non sapevi mentire. Non sarai l'unica per meed io non sarò il solo a regalarti apici di nullae nulli doni. Premiati perché lo meriti,immolati ed immortalati,perché non tornerai tra queste genti molto presto,ne molto tardi da non trovarli spenticome lo sono anc'ora,privi di quella luce internache vacillando cerca, trova,perfora ed oltrepassa il nulla. Non ti crucciare crucciola,non ti allungare allunga,si...

Leggi tutto l'articolo