FALSO PRETE ACCUSATO DI ESSERE UN ORCO.PROCESSO DA RIFARE

Falso prete accusato di pedofilia.
Processo da rifare  REDAZIONE_2 Angelo Maurizio Chiriatti  Il processo al falso prete 56enne leccese Angelo Maurizio Chiriatti è da rifare.
La terza sezione della Corte di Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza della Corte d'Appello di Bari dell'ottobre 2011 che lo aveva condannato a sei anni di reclusione per i reati di violenza sessuale aggravata nei confronti di minori e sostituzione di persona.
L'uomo, che attualmente è libero, era stato arrestato nel 2009.
In primo grado, il 7 giugno 2010, gli era stata inflitta una pena di 2 anni e 6 mesi.
Chiriatti, alias padre Pietro Maria era accusato dalla Procura di Bari di aver abusato, fingendosi sacerdote, di cinque fratellini e un loro cuginetto, tutti minorenni.  Il falso sacerdote, residente nei pressi di San Pietro Vernotico, già condannato in via definitiva anche per usurpazione di titoli e onore proprio per essersi spacciato per prete, aveva fondato la comunità "Missionari di nostra Signora della cava" ad Alberobello (e il relativo sito internet), dove accoglieva i minori di famiglie indigenti durante le ferie estive in campi scuola, allo scopo, secondo l'accusa, di abusare di loro. 

Leggi tutto l'articolo