FAMIGLIA GAY ALLARGATA

Questo post mi viene dal cuore e rappresenta una riflessione serissima anche se per chi ha pregiudizi, cioè crede di sapere e non sa, quello che sto per dire potrebbe risultare molto strano.
Famiglia gay...
ok! Costruita sul modello della famiglia etero: una coppia stabile con una prospettiva di ipotetici figli, ecc.
ecc., sì, sembra tutto ok...
forse potrebbe anche essere tutto ok in un altro mondo, in un altro clima sociale, con un altro livello di civiltà e di consapevolezza.
In realtà, quanto meno finché la situazione non cambierà radicalmente a livello sociale le ipotesi di una famiglia gay composta da una coppia stabile e da ipotetici figli è un’idea che serve solo come simbolo di una strada aperta verso il futuro.
Ma quale dovrebbe essere la molla di fondo che tiene insieme una famiglia gay di quel tipo? Il sesso...
sì quando si ì giovani potrebbe anche sembrare una motivazione sufficiente, l’affettività di coppia, il reciproco volersi bene e sostenersi in situazioni di difficoltà? Certo questo potrebbe essere un buon cemento per tenere unita la coppia, ma poi c’è il problema dei figli...
in provetta, con madri in affitto o come vi pare sarebbero comunque figli biologici di uno solo dei componenti della coppia.
Ma io mi chiedo, non avrebbe più senso pensare che una famiglia gay non debba essere ricalcata su nessun modello precostituito? Ebbene io un modello alternativo assolutamente originale e originario di famiglia gay ce l’ho eccome! E’ un modello di famiglia gay allargata.
Per me la famiglia gay dovrebbe essere un gruppo di solidarietà e dovrebbe reggersi sull’esperienza affettiva del volersi bene.
Volete sapere quale è il mio modello di famiglia gay? Il mio modello è il gruppo di ragazzi che si è costituito intorno a Progetto Gay.
Ditemi quello che volete ma io penso che si tratti veramente di una famiglia.
Ci si vuole bene, ci si sostiene reciprocamente, si è amici, si parla in modo libero, ci si sente accettati e direi qualche volta coccolati in una dimensione affettiva tipicamente familiare.
Giorni fa avevo censurato dei post di Loki e di Fabiomatteo che uscivano un po’ dai limiti in cui questo blog si deve mantenere.
Ebbene io ho avuto il timore che questo fatto potesse mettere in crisi i miei rapporti con questi ragazzi, poi ho parlato con Fabiomatteo e gli ho spiegato il mio punto o di vista e non è andato in crisi proprio nulla, anzi abbiamo parlato in modo serissimo e ci siamo salutati in modo autenticamente affettuoso con un sentitissimo “Ti voglio bene!” che non era [...]

Leggi tutto l'articolo