FARMACI, MULTA PER LO SCANDALO AVASTIN

ECONOMIA 05/03/2014 Farmaci, multa per lo scandalo Avastin L’Antitrust sanziona Roche e Novartis Le case farmaceutiche dovranno pagare 180 milioni di euro per “un cartello  che ha condizionato le vendite dei prodotti destinati alla cura della vista” REUTERS   ARCHIVIO  Il prezzo del farmaco schizza a 1000 euro: stop alle cure MARCO ACCOSSATO  ARCHIVIO  Dalle denuncia de “La Stampa” all’inchiesta dell’antitrust sul possibile cartello Roche-Novartis MARCO ACCOSSATO  ARCHIVIO  Faro dell’Antitrust su Roche e Novartis: “Un cartello sui farmaci per la vista”  +  Brevetti scaduti e trucchi I segreti di Big Pharma PAOLO RUSSO   MARCO ACCOSSATO TORINO I colossi del farmaco Roche e Novartis sono stati condannati dall’Antitrust a pagare oltre 180 milioni complessivi di multa per aver creato un «cartello» a sostegno del (carissimo) farmaco Lucentis contro la maculopatia, a scapito del (molto) più economico Avastin.
Grazie a una causa e a un’inchiesta partita dalla Società Italiana di Oftalmologia, affidata all’avvocato torinese Raffaele La Placa, si è dimostrato che le due case farmaceutiche hanno condizionato le vendite dei prodotti destinati alla cura della vista: «I due gruppi - si legge sul sito dell’ Autorità - si sono accordati illecitamente per ostacolare la diffusione dell’uso di un farmaco molto economico, Avastin, a vantaggio di un prodotto molto più costoso, Lucentis, differenziando artificiosamente i due prodotti».
Poiché il primo medicinale costa circa 40 euro a fiala contro i 1700 euro iniziali della seconda cura (poi scesi a 1200 in Italia), si è calcolato che il nostro Sistema Sanitario Nazionale abbia affrontato un esborso aggiuntivo stimato in oltre 45 milioni di euro nel solo 2012, con possibili maggiori costi futuri fino a oltre 600 milioni di euro l’anno.    Per spingere sul mercato il farmaco più caro a scapito del più economico - ha dimostrato l’indagine   condotta anche grazie alla collaborazione del Gruppo Antitrust del Nucleo Speciale Tutela Mercati della Guardia di Finanza - la Roche ha richiesto e ottenuto nel 2012 di modificare il bugiardino dell’Aventis, specificando che si tratta di un prodotto più pericoloso del nuovo farmaco, condizionando così - secondo l’avvocato La Placa e l’Antitrust - le scelte di medici e servizi sanitari.
Cosa che, secondo il provvedimento dell’Autorità garante della concorrenza, ha una sua spiegazione economica nei rapporti tra i gruppi Roche e Novartis: Roche ha interesse ad aumentare le vendite di [...]

Leggi tutto l'articolo