FLORENCE NIGHTINGALE di Teresa Ramaioli

FLORANCE NIGHTINGALE  di Teresa Ramaioli iltuonoilgrillo il 29/09/15 alle 12:29 via WEB AUGUSTA ADA BYRON-- Augusta Ada Byron fu il frutto dell' unione tra il poeta George Byron e la matematica inglese Anne Isabella Noel Milbanke.
Annabella, la madre di Ada, dimostrò fin da giovane una spiccata intelligenza matematica che portarono la sua famiglia ad affiancarle per anni un precettore laureato a Cambridge per istruirla, ciò la condannò però alle critiche della benpensante società del tempo, per la quale essere intelligenti e colti in molte materie era più una vergogna che un merito, se si era donne.
Augusta Ada Byron , è conosciuta come Ada Lovelace, nome che assunse dopo il matrimonio con William King, conte di Lovelace.
Era una matematica ed è considerata una pioniera dell’informatica.
Negli Stati Uniti il 15 ottobre si festeggia l’Ada Lovelace day, giornata in cui si celebra il contributo delle donne nello sviluppo delle tecnologie informatiche, della matematica e della scienza.
Quando Ada aveva 12 anni voleva volare.
Esaminava gli uccelli provando a capire vari materiali che potevano essere in grado di diventare delle ali: carta, seta.
Nel corso della sua ricerca, cominciata nel febbraio del 1828, Ada tenne traccia dei suoi studi in una guida illustrata.
La ragazza aveva un talento sin da bambina per l’aritmetica, la musica.
La sua carriera come programmatrice cominciò il 5 giugno 1833, quando incontrò quello che divenne il suo amico e mentore, Charles Babbage, un matematico.
Babbage stava lavorando a una macchina di calcolo: una struttura fatta con diversi ingranaggi numerati capaci di fare calcoli.
Ada fu affascinata dal progetto che era solo un prototipo e cominciò una collaborazione intensa con il matematico.
C’è perfino chi dice che la macchina di calcolo, il primo prototipo di un computer meccanico sviluppato per eseguire compiti generici, ideata da Babbage, in realtà fosse frutto soprattutto del lavoro e degli studi di Ada.
Ciao a tutti gli amici del blog Teresa Ramaioli (Rispondi)   dinobarili il 30/09/15 alle 07:11 via WEB Ciao Teresa - la conoscenza storica aiuta a capire in quale mondo viviamo.
Dino (Rispondi)  

Leggi tutto l'articolo