FORUM SANITA' CASENTINO 2010

QUALE MODELLO DI SALUTE E DI EMERGENZA SANITARIA IN MONTAGNA   Sabato 6 marzo 2010 presso il castello dei Conti Guidi a Poppi, in una sala posta alla sommità dell'antico maniero, si è svolto alla presenza delle Istituzioni regionali e locali il Forum Sanità Casentino.
  La giornata organizzata dal “COMES TOSCANA”, con il patrocinio dell'Ordine dei Medici Chirurghi di Arezzo,  ha permesso l'incontro e il confronto tra le professionalità che operano sul territorio e in ospedale con  le massime rappresentanze dirigenziali dell'azienda sanitaria USL 8 di Arezzo.
  La giornata, con gli interventi programmati e il contributo dei presenti, ha analizzato quale sia ad oggi lo sviluppo e l'applicazione dei LEA e del piano sanitario regionale nell'offerta dei servizi e quanto questo incida sull'applicazione dei percorsi assistenziali territorio-ospedale e ospedale-territorio.
  Tra gli argomenti, il passaggio più significativo della mattinata è stato quello della valutazione e dell'analisi di un'attualizzazione del sistema di soccorso in emergenza, con  interventi che hanno proposto quale dovrebbe essere il “modello sostenibile” di un dipartimento di emergenza urgenza che garantisca un pronto intervento, nella tempistica e  competenza adeguata, nonché l'attività nei pronto soccorso ed il trasporto per l'ospedale più idoneo al trattamento.
  Grande interesse per la qualificata platea ha suscitato l'intervento della Dr.ssa Adelina Ricciardelli, che ha esordito affermando “ ..
io non ho verità da proporre ..
ma porto evidenze ..”  e proprio per l'esperienza condivisa nel COMES e nella FIMEUC che posso affermare che è dal territorio e non dalla porta dell'ospedale che occorre garantire tempistica e competenze al massimo dell'eccellenza.
  Si è parlato poi di un modello dipartimentale di emergenza urgenza strutturato, organizzato e gestito con l'obiettivo di garantire e rispondere al bisogno di un soccorso tempestivo e competente.
In questo modello solo l'equipe ALS (medico-infermiere) formata, addestrata ed esperta garantisce la risposta eccellente per il pronto intervento ed il trasporto nei tempi e nelle modalità migliori verso l'ospedale giusto per il bisogno acuto.
La presenza del equipe sanitaria è ancora più giustificata, nonostante la casistica, nelle zone disagiate “montane” dove la distanza delle località d'intervento dalle postazioni ALS e  dal pronto soccorso, la scarsa viabilità, la distribuzione demografica e le distanze  dai centri ospedalieri di eccellenza  possono pregiudicare [...]

Leggi tutto l'articolo