FRANCESCO racconto (380) di Dino Secondo Barili

Intrigo … …a Pavia (Queste storie, anche se raccontate come vere, sono frutto di fantasia, pertanto non hanno  nulla a che vedere con persone reali o fatti realmente avvenuti) 380 Francesco E’ noto che le persone impegnate nel lavoro, nella famiglia e nel sociale hanno una vita sentimentale migliore rispetto a coloro che sono emarginati.
Uno dei motivi è da ricercasi nel numero di contatti umani.
Il vecchio proverbio … “l’occasione fa l’uomo ladro” non è espressamente riferita solo ai ladri veri e propri, ma a tutto “quel complesso” di rapporti che mettono in contatto… un uomo ed una donna.
Francesco, aveva sessant’anni e faceva l’idraulico come suo padre.
Era un mago nel suo mestiere, ma non si era mai sposato.
Era allergico al matrimonio… di un allergia “sospetta”.
Infatti, i suoi colleghi di lavoro lo prendevano in giro (benevolmente).
“Francesco, non dire che non ti sia mai capitata l’occasione per sposarti… Non ci crediamo , neppure, se giuri sulla testa di tua madre.” L’idraulico sorrideva con fare misterioso… e non parlava.
Forse non voleva svelare il lato “oscuro” e riservato della sua vita privata.
Un sabato al mese, cinque colleghi idraulici pavesi si ritrovavano all’Osteria della Serenella in riva al fiume Ticino.
Erano incontri all’insegna di “favolose mangiate e bevute” (dicevano loro… ma tre erano a dieta e due erano astemi).
Era l’occasione, invece, per scambiarsi informazioni, sentirsi aggiornati sugli “affari del mondo” e lanciarsi “velenose frecciate”.
L’organizzatore degli incontri era da anni Giacomino.
Un sessantenne compagno di scuola di Francesco.
Giacomino era idraulico, “figlio d’arte” come suo padre.
Non si era mai sposato, ma aveva una “morosa” fissa con la quale passava i fine settimana.
Gli altri tre colleghi idraulici lo prendeva in giro.
“Giacomino, noi sappiamo perché non ti sposi… Hai paura di essere “piantato” da uno più bello di te.” L’Organizzatore degli incontri masticava amaro, ma non poteva farci niente.
Gli idraulici hanno una cattiva nomina… Sanno di essere “i preferiti dalle donne”.
Francesco, invece, non parlava e rimaneva misterioso.
Un anno fa, l’Ostessa dell’Osteria la Serenella notò l’atteggiamento di Francesco e (contrariamente alla regola di “non” entrare mai nei discorsi dei clienti) intervenne nel battibecco tra gli “idraulici”.
“Francesco, perché non parli? Perché non difendi le donne che sono la tua passione? Le donne sanno amare … e amano un solo [...]

Leggi tutto l'articolo