FREDDO

  FREDDO   Non sapevi chi o come nemmeno un nome impressi avevi solo i suoi occhi nella notte umida il freddo colpì quel tuo giovane corpo inerme.
Freddo il respiro ansioso, schifoso, un attimo prendesti il peggio di un uomo ingombrante capace solo di una violenza allucinante.
Freddo era ormai il tuo sguardo il tuo silenzio nell'eterno buio traversasti l'inferno.
Non pensavi più eri sola viaggiavi perduta in quello squallido mare imbrattata da umidi umori urlasti il tuo odio:“Uomo tu muori” Era un codardo, non sai definirlo, forse bastardo, banale ora farlo.
Resta solo il freddo neanche il momento solo quegli occhi dietro le sbarre, non guariscono le piaghe, resta il tuo freddo ed il tuo essere DONNA.
  ...23/11/2015...l'otello...sem

Leggi tutto l'articolo