Falcone

indice | home
la Repubblica - Domenica, 24 maggio 1992 - pagina 2 dal nostro corrispondente ATTILIO BOLZONI
ASSALTO CONTRO LO STATO UNA STRAGE COME IN LIBANO
La mafia bombarda la strada con una tonnellata d' esplosivo L' enorme boato alle 17,58 di ieri La vendetta contro il ' Grande nemico' che era appena atterrato a Punta Raisi. E dall' aeroporto qualcuno lo stavano seguendo
PALERMO - E' morto, è morto nella sua Palermo, è morto fra le lamiere di un' auto blindata, è morto dentro il tritolo che apre la terra, è morto insieme ai compagni che per dieci anni l' avevano tenuto in vita coi mitra in mano. E' morto con sua moglie Francesca. E' morto, Giovanni Falcone è morto. Ucciso dalla mafia siciliana alle 17,58 del 23 maggio del 1992. La più infame delle stragi si consuma in cento metri di autostrada che portano all' inferno. Dove mille chili di tritolo sventrano l' asfalto e scagliano in aria uomini, alberi, macchine. C' è un boato enorme, sembra un tuono, sembra un vulcano che scarica ...

Leggi tutto l'articolo