Falcone

indice | home
la Repubblica - Lunedì, 25 maggio 1992 - pagina 8 PIERO COLAPRICO
L' ASSALTO ALLO STATO L' ULTIMA TELEFONATA CON DI PIETRO...
In segreto Falcone lavorava con il giudice-antitangenti Stava mettendo a punto le rogatorie internazionali sui conti svizzeri dei politici sotto accusa. Il responsabile dell' inchiesta di Milano: ' Noi non ci fermiamo, questo martirio sarà uno sprone'
MILANO - Li aveva rimbrottati, perché gli avevano promesso che un capitano dei carabinieri sarebbe passato presto al ministero, a Roma, per ritirare i primi risultati della rogatoria internazionale sui conti in Svizzera, ma non l' avevano fatto. Li aveva perdonati subito dopo, comprendendo che l' inchiesta "Mani Pulite" incalzava, che certi ritardi erano giustificati perché ormai stavano vuotando il sacco i "cassieri" di alcuni importanti uomini politici. Diceva a chi gli stava vicino che provava un' affettuosa invidia per Gherardo Colombo e Antonio Di Pietro: li vedeva correre, scavare, trovare, coor...

Leggi tutto l'articolo