Falcone

indice | home
la Repubblica - Sabato, 30 maggio 1992 - pagina 2 di DANIELE MASTROGIACOMO
L' ASSALTO ALLO STATO Martelli e Scotti annunciano nuove misure ' MANI PIU' LIBERE CONTRO LA MAFIA'
ROMA - "Voglio che questa strage si riveli per la mafia il peggior affare della sua storia". Stretto nel completo grigio, piegato sul microfono, lo sguardo fisso verso le decine di telecamere che lo inquadrano, il ministro della Giustizia dichiara guerra a Cosa nostra siciliana. Nella sala ornata di stucchi, arazzi e quadri ad olio, al secondo piano del palazzone di via Arenula, lo Stato maggiore della task-force anticosche ha appena concluso una complessa e decisiva riunione. Seduti attorno al tavolo che forma una larga "c", ci sono i massimi responsabili dell' apparato investigativo e giudiziario. Dai dirigenti dei servizi, a quelli della Dia, dal capo della Polizia, al comandante generale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Il vertice, il primo a livello centrale dopo la morte di Falcone, ...

Leggi tutto l'articolo