Falsa speranza

  Falsa speranza   Qualcuno ingenuamente sperava che la decisione del governo italiano di accodarsi ai 'liberatori' anglo francesi per bombardare la Libia avrebbe messo in crisi la maggioranza.
Questa decisione aveva creato alcuni malumori tra i complici (pardon: alleati) che reggono le sorti del Paese.
La Lega ha minacciato di porre la questione al Parlamento con la conseguenza di arrivare ad un voto che, quasi sicuramente, avrebbe messo in minoranza il partito di papi.
I distinguo sono durati solo poche ore , e non poteva essere che così! Infatti è subito arrivata la schiarita: la Lega mantiene la sua posizione e non abbandona il governo.
"""La posizione della Lega è chiara e coerente con quanto deciso.
Noi siamo nella maggioranza e nel governo""" ruggisce il capo gruppo leghista della Camera, aggiungendo che: """ quelli che speravano in una crisi di governo resteranno delusi"""! Ma dopo poche ore ancora ecco un'ulteriore presa di posizione del 'senatùr': “”“Se il partito di maggioranza non voterà la nostra mozione significa che vuole andare a casa, e ci andrà”””.
Toh! Chi l'avrebbe detto? Io speravo che le ragioni del cemento che saldano indissolubilmente i due alleati, fossero ragioni del tutto inefficaci.
Speravo che uno due alleati, oggi correo dell'assalto alla diligenza, avrebbe avuto un sussulto di dignità e rotto i ponti con l'alleato maggiore.
Ingenuamente speravo che la critica alla decisione di bombardare la Libia discendesse da ragioni di carattere umanitario, di solidarietà umana.
Macché, le ragioni sono di tutt'altra natura: sono dovute alla paura che dalla Libia partano migliaia e migliaia di disperati che si riverserebbero sulle nostre coste inquinando, con la loro sgradita presenza, la nostra bella penisola.
Falsa speranza, dunque, ma speranza solo per chi, come i poveri cristi, ancora non si sono resi conto di che tipo di classe dirigente hanno eletto.
E poi, ancora, perché rompere un sodalizio collaudato da parecchi anni, il quale si è rivelato utilissimo per continuare l'assalto della diligenza? Eh? Perché?    

Leggi tutto l'articolo