Farinetti inaugura Eataly a Mosca: lascia a bocca aperta anche me

Mosca (askanews) - Finalmente il sogno si e' realizzato.
Non solo quello di Oscar Farinetti, ma anche quello dei russi che in stragrande maggioranza adorano la cucina italiana e iniziano a conoscere bene la nostra filosofia di vita.
Eataly Mosca ha aperto vicino alla centralissima stazione Kievskij e dentro l'omonimo centro commerciale: 7mila metri quadrati e circa 900 posti a sedere, e' il secondo piu' grande al mondo.
Con circa 400 dipendenti, di cui 35 tra chef e sous chef.
Un tripudio di marchi italiani, di buona tavola, di buon vino e di voglia di vivere e condividere.
Si passa dall'angolo Nutella, contraddistinto da un profumo che fa tornare bambini, al caffe' Lavazza, dalle atmosfere un po' Seventies.
Dalla pasticceria siciliana, con i suoi inconfondibili cannoli, alla Piazza, dove gustare un bicchiere tra amici.
Non manca la cantina di stagionatura del formaggio e, attraverso i tour guidati ,Eataly Mosca si impegna a far conoscere nel migliore dei modi la biodiversita' e le tradizioni enogastronomiche italiane.
Farinetti, e la sua squadra, sono stati accolti con un'ovazione.
Al posto del nastro per l'inaugurazione, una tagliatella gigante multicolore.
'Io vivo di utopie e di budget illimitati - ha spiegato - a alla fine vale sempre di piu' darsi un budget illimitato, che uno piccolo.
Oggi l'ho visto per la prima volta finito e sono rimasto a bocca aperta: e' veramente bello.
Fatevelo dire da chi ne ha fatti 30.
Questo e' raffinatissimo perche' ha il bello della Russia, perche' non e' pacchiano, ma e' fine.
Ed e' intelligente' Farinetti ha spiegato che in questo Eataly oltre all'80-90% di prodotti italiani, c'e' un 20% d i prodotti russi straordinari.
Come il cavolo rosso, le verdure uzbeke, la carne dalle fattorie locali.
Inoltre Eataly ha portato il mestiere che come dice Farinetti, deriva da mistero.
Ma i misteri non devono esistere, bisogna riverlarseli e scambiarseli.
Proprio come in un brindisi.

Leggi tutto l'articolo