Fascisti mascherati da progressisti. Corsi e ricorsi storici pericolosi

  È estremamente pericolosa questa miscela di populismo, qualunquismo, razzismo e stupidità economica (uscita dall’Euro, non pagare i debiti, il ritorno alla Liretta già fallita dieci anni fa) che sta invadendo la rete negli ultimi tempi.
Se è vero (com’è vero) che internet oggi è il veicolo principale della protesta e della contro-informazione allora questo estendersi di concetti fascisti diventa molto preoccupante.
Ed è preoccupante in particolare perché queste perniciose idiozie circolano in ambienti molto diversi da quelli nei quali ti aspetteresti di trovarle.
Non li leggi (solo) nelle pagine di gruppi neofascisti, neonazisti e di estrema destra xenofoba ma danno bella mostra di sé in gruppi di discussione e pagine che abbiamo identificato fin’ora come progressiste, di sinistra o, comunque, di innovazione sociale.
Questa recrudescenza fascista in Italia ci riporta agli anni venti, quando il popolo cercava l’uomo forte, e ci riporta al clima immediatamente antecedente la seconda guerra mondiale.
In particolare l’antisemitismo che si sta diffondendo strisciando con il mito del banchiere ebreo e del complotto sionista ci fa rituffare in un passato che pensavamo irripetibile e invece, a quanto pare, irripetibile non è.
(foto da "Il Puttanaio" )       Luca Craia      

Leggi tutto l'articolo