Fattorie didattiche: da dove si comincia?

Premessa, noiosa ma necessaria: "Carletto, cosa farai da grande?" "L'ecovillaggista, papà" "Allora molla quegli strafatti che frequenti a vai in montagna per tre anni.
All'università".
Rispondiamo, per puro divertimento, a due email che ci sono pervenute a seguito dell'articolo intitolato Percorsi per ecovillaggisti.
Formativi? pubblicato oggi su questo blog e che ci accusano di essere settari e di volerci appropriare dell'ecosostenibilità per traghettarla verso freddi lidi imprenditoriali e finanziari.
A parte il fatto che ci vengono attribuiti poteri ben lontani dalle nostre modeste facoltà - roba che nemmeno con i riti Woodoo - probabilmente a differenza di chi ci scrive sappiamo invece bene, quanto "l'interesse dell'imprenditore non sempre coincide con quello pubblico, e pertanto bisogna guardarsi dal seguirlo ciecamente; le proposte di legge che vi si ispirano vengono da una categoria di persone che sono istintivamente portate a ingannare e opprimere i lavoratori, e che di fatto molto spesso li ingannano e li opprimono".
No, non l'ha scritta Marx questa frase, ma un tranquillo scozzese che si chiamava Adam Smith nel suo libro Natura e cause della ricchezza delle Nazioni, pubblicato nel 1776.
Quindi, ribadiamo con forza il nostro pensiero che condanna il dilettantismo camuffato da alternativo perché oggi, ed ancor più in un futuro niente affatto lontano, ci saranno due sole alternative: mangiare o morire di fame.
Il resto sono chiacchiere, fumo o, come abbiamo scritto nell'articolo richiamato, fuffa.
Bene, ciò premesso per doverosa risposta, a nostro avviso gli ecovillaggi si studiano all'università, e non tra danze,cerchi più o meno sacri e scambi di massaggi reiki.
Poi ciascuno è libero di illudersi come preferisce, ma non venga a dare lezioni quando avrebbe invece bisogno di apprenderne.E passiamo alle cose serie.
Fattorie didattiche:da dove si comincia? Pochi sanno che presso la Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Milano è stato istituito il corso di laurea triennale in Valorizzazione e tutela dell'ambiente e del territorio montano, caratterizzato da una notevole particolarità sancita dal motto: la montagna si studia in montagna.
InfattI l'ateneo ha sede a Edolo, in Valle Camonica.Per il nostro Paese la montagna rappresenta una parte ampiamente significativa del territorio, che in passato contribuiva molto più che ai giorni nostri all'economia ed al sostentamento della popolazione.
Sappiamo bene come scelte economiche e politiche abbiano gradualmente trascurato queste aree comportando [...]

Leggi tutto l'articolo