Federer e Nadal: quanto vale questa rivalità?

 Alcune ore fa, al torneo Masters 1000 di Indian Wells, Rafael Nadal ha battuto Roger Federer in un match privo di pathos e di spettacolo.
Tutto (o quasi) il mondo tennistico aspettava ansioso questo confronto e probabilmente tutto (o quasi) il mondo tennistico è rimasto deluso dall’evento. Diciamo pure che non c’è stato match: 6-4/6-2 senza un minimo brivido, anche a causa delle (ipotetiche) precarie condizioni alla schiena del campione svizzero (non sarebbe stato meglio programmare questo match di pomeriggio, vista la grande umidità della sera?).Fatto sta che non si smentisce il trend che ha sempre visto una monotona supremazia del maiorchino sull’elvetico … non c’è niente da fare.
È vero che Roger era probabilmente menomato, ma è altrettanto vero che Rafa firma nei suoi confronti il suo diciannovesimo sigillo, a fronte delle dieci sconfitte; 19-10 è dunque l’aggiornamento degli scontri diretti tra i due rivali. Personalmente anch’io mi sarei aspettato un match più equilibrato, ma, problemi fisici a parte, non sono poi tanto sorpreso.
In fin dei conti Federer ha sofferto Nadal per tutto l’arco della sua carriera: sulla terra (soprattutto), sull’erba, perfino sul cemento.
Quante possibilità c’erano che il match finisse diversamente? Questa è un po’ la storia di questa grande e un po’ deludente rivalità che ha alimentato i sogni degli appassionati per anni.Sono sempre stato dell’idea che la grande popolarità di questi due campioni (e la risonanza mediatica che hanno sempre avuto) abbia creato, spesso, aspettative eccessive. I media e gli appassionati (una buona parte di loro sembra assuefatta da questi due personaggi e sembra rifiutare a priori tutto il resto dell’universo tennistico) considerano questa come la più grande rivalità del tennis.Mi rendo conto di essere una voce fuori dal coro, ma non sono mai stato d’accordo.
Ho sempre pensato che si sia esagerato nel descrivere il confronto tra questi due campioni.
Fortunatamente il tennis ha avuto tante rivalità leggendarie che hanno fatto la storia di questo sport.
Il confronto di stili di Federer e Nadal è descritto, da anni, come il perfetto esempio di confronto stilistico.
Non ho mai condiviso questa affermazione. Per me i confronti stilistici erano altri, in periodi in cui realmente si aveva da una parte un giocatore di serve and volley e dall’altra un giocatore da fondo campo.
Le differenze stilistiche erano molto più marcate negli anni ‘70/’80/’90 di quanto possano esserlo state negli ultimi dieci anni [...]

Leggi tutto l'articolo