Federica Guidi, il compagno indagato per Eni Viggiano. Il ministro al telefono: “Domani passa quell’emendamento”

E’ indagato anche Gianluca Gemelli, il compagno del ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, nell’inchiesta della Dda di Potenza che ha portato all’arresto di cinque funzionari e dipendenti del centro oli Eni a Viggiano, in provincia di Potenza. Gli inquirenti li considerano responsabili a vario titolo di “attività organizzate per il traffico e lo smaltimento illecito di rifiuti”.
E per questo li hanno arrestati (disposti i domiciliari per tutti).
Per Gianluca Gemelli, invece, l’accusa è di traffico di influenze, perché – scrivono i giudici – “sfruttando la relazione diconvivenza che aveva con il Ministro allo Sviluppo Economico,Federica Guidi, indebitamente si faceva promettere e quindi otteneva da Giuseppe Cobianchi, dirigente della Total, “vantaggi patrimoniali”.
L’INTERCETTAZIONE DELLA GUIDI: “DOMANI PASSERA’ QUELL’EMENDAMENTO” Nell’ordinanza del gip di Potenza compare un’intercettazione in cui la Guidi parla con il suo convivente.
E’ il 5 novembre 2014 quando Gianluca Gemelli, conversando con il ministro, “apprendeva da costei – scrive il giudice – che sarebbe stato reinserito nella legge di stabilità un ‘emendamento’.
Sono gli investigatori a spiegare di che si tratta: “Numero progressivo 2.9818 e individuabile nell’emendamento al disegno di Legge n.
2619-bis-B, corrispondente a quello che nell’originario testo del decretoSblocca Italia riportava il 00.37.52 del Governo”.
L’emendamento, spiegano sempre gli inquirenti, era “volto a inserire le opere relative al trasporto e allo stoccaggio di idrocarburi“, inserito nel testo originario del decreto “Sblocca Italia” e bocciato alle ore 5 del giorno venerdì 17 ottobre 2014 durante la discussione in commissione parlamentare”.
Un ritocco normativo che sarebbe stato di estremo interesse per la Total soprattutto in relazione al progetto “Tempa Rossa”.
La Guidi riferiva in proposito: ” … e poi dovremmo riuscire a mettere dentro al Senato se… è d’accordo anche “Mariaelena” (il ministro Maria Elena Boschi, annotano gli investigatori) la… quell’emendamento che mi hanno fatto uscire quella notte, alle quattro di notte …! Rimetterlo dentro alla legge… con l’emendamento alla legge di stabilità e a questo punto se riusciamo a sbloccare anche Tempa Rossa.
..
ehm ..dall’altra parte si muove tutto!”.
Alla domanda di Gemelli “se la cosa riguardasse pure i propri amici della Total”, si legge ancora nell’ordinanza, “clienti di Tecnimont (“quindi anche coso … anche … va be’ [...]

Leggi tutto l'articolo