Ferragosto...

 Ferragosto è giorno di riposo e di svago senza dubbio,tuttavia  anche un giorno talmente scontato, che, forse, la cosa più saggia sarebbe viverlo normalmente, senza lo stress di qualche attesa.
Pertanto  auguro a tutti un serenoFerragosto con una poesia di Tagore ,che ci invita a guardare con meraviglia ogni momento dell 'anno .    Mentre passavano le stagioni    e le api frequentavano i giardini estivi,    la luna sorrideva nella notte ai gigli,    i lampi dardeggiavano ardenti baci    alle nuvole e ridendo sparivano…    Il poeta se ne stava in un angolo,    quasi una cosa sola con gli alberi e le nuvole.    Tenne il cuore in silenzio come un fiore,    vegliò nei sogni come fa la luna crescente…    E se ne andò vagando come la brezza estiva,    senza meta alcuna.
 Mentre ,a proposito dell'imperativo categorico "divertirsi",  Pier Paolo Pasolini  scrisse sul settimanale Il Mondo (articoli che poi confluiranno nel volume postumo Lettere luterane):    L'Italia – e non solo l'Itali...

Leggi tutto l'articolo