Ferrara, a otto anni inventa la parola "petaloso": la Crusca approva il neologismo

L'Accademia invia una lettera al piccolo Matteo: "Per entrare nel vocabolario, il termine deve essere utilizzato da tanti".
Su Twitter in centinaia condividono l'hashtag #petaloso per aiutare il bambino 19:11 - "Le margherite sono fiori petalosi, mentre i papaveri non sono molto petalosi".
Il piccolo Matteo, di soli otto anni, ha pensato di rispondere così a un quesito posto dalla sua maestra Margherita Aurora, nella scuola elementare di Copparo (Ferrara).
Una parola inesistente, che però "mi è piaciuta, così ho suggerito di inviarla all'Accademia della Crusca per una valutazione", ha raccontato la docente.
Gli accademici fiorentini hanno risposto in una lettera, valutando "bello e chiaro" il termine inventato dal bimbo, "ma per entrare nel vocabolario deve essere utilizzato da tanti".
Per aiutare Matteo, centinaia di utenti su Twitter hanno condiviso l'hashtag #petaloso.
"Tutto è nato da un lavoro sugli aggettivi", ha ricordato l'insegnante diventata un caso nazionale per aver lanciato le "dieci regole per non fare i compiti durante le vacanze".
La risposta ricevuta dalla Crusca, ha aggiunto, "per me vale come mille lezioni di italiano.
Grazie al mio piccolo inventore Matteo".
La risposta della Crusca - "La parola che hai inventato - si legge nella lettera dell'Accademia della Crusca - è una parola ben formata e potrebbe essere usata in italiano così come sono usate parole formate nello stesso modo: tu hai messo insieme petalo + oso, petaloso, pieno di petali , con tanti petali.
Allo stesso modo in italiano ci sono pelo+oso, peloso, pieno di peli, con tanti peli e ancora coraggio+oso, coraggioso, pieno di coraggio".E ancora: "Se riuscirai a diffondere la tua parola tra tante persone e tante persone in Italia cominceranno a dire 'Come è petaloso questo fiore', ecco allora petaloso sarà diventata una parola dell'italiano".
I complimenti di Renzi e Giannini - Su Twitter sono arrivati anche i ringraziamenti del premier Matteo Renzi, rivolti direttamente al bambino: "Grazie al piccolo Matteo, grazie Accademia della Crusca una storia bella, una parola nuova #petaloso".
A complimentarsi con il piccolo in un tweet anche il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini: "Bravo Matteo.
La lingua è creatività e luogo di libertà".
Fonte: www.tgcom24.mediaset.it  

Leggi tutto l'articolo