Ferrari, l'ordine di Domenicali : "Bisogna reagire subito"

Il responsabile della Gestione sportiva del Cavallino non fa drammi: "Abbiamo perso non per colpa nostra.
Il potenziale c'è, restiamo umili e concentrati.
La Bmw è forte, non sorprende.
Il campionato è lungo e lotteremo sino alla fine"     "Avevamo una macchina in grado di vincere anche su due piste, Montecarlo e Canada, che in passato non ci sono state favorevoli.
Invece torniamo a casa con meno punti dell'anno scorso".
L'umore della Ferrari dopo la gara di Montreal si capisce dalle parole di Stefano Domenicali, direttore della Gestione sportiva.
Un terzo e un quinto posto con Felipe Massa nelle due gare, due zeri in classifica per Raikkonen: questo il bottino nelle due prove forse più difficili della stagione per la Ferrari.
A differenza del passato, però, la F2008 quest'anno aveva il potenziale per fare molto bene.
È stato commesso qualche errore, come la penalità per le gomme montate in ritardo a Raikkonen prima del via.
Ma è anche mancata la fortuna.
Raikkonen domenica è stato messo k.o.
da Hamilton quando era fermo al semaforo rosso nella pit-lane, un incidente raro da vedersi.
    PROBLEMA - Massa invece ha avuto un problema nel primo rifornimento per un guasto nella macchina che imbarca carburante, ma è stato comunque protagonista di una bella rimonta dal 17esimo al quinto posto.
Anche a Montreal le rosse avrebbero potuto vincere.
"Siamo dispiaciuti perché abbiamo perso non per colpa nostra - l'analisi di Domenicali - il risultato non riflette il vero potenziale delle nostre macchine.
Quello che è successo a Kimi è chiaro, e la Federazione è intervenuta sanzionando, giustamente, Hamilton per il prossimo GP, dovremo approfittarne.
Kimi era in una buonissima posizione per giocarsi le sue chance di vittoria, anche grazie ad una macchina che stava dimostrando di poter girare su ottimi tempi.
Felipe invece ha avuto un problema nel primo pit-stop.
Si è rotta una giuntura del tubo e non siamo riusciti a imbarcare benzina sulla sua macchina.
È un grande dispiacere perché ci eravamo preparati bene e invece abbiamo ottenuto meno punti dello scorso anno.
Ora però dobbiamo reagire.
Gli avversari sono molto forti ma il campionato è ancora molto lungo e lotteremo fino alla fine".
    LAVORARE - Anche se ora ci saranno piste sulla carta favorevoli alla Ferrari, Domenicali vuole massima concentrazione e impegno per tornare a vincere.
"Dobbiamo tornare sui nostri standard abituali in termini di punti.
Dobbiamo lavorare, essere umili.
Gli altri stanno spingendo forte.
La Bmw ha conquistato tanti punti in [...]

Leggi tutto l'articolo