Fette biscottate

Questa fantastica ricetta mi è stata data dal mio collega Alessio.
Dato che lui usa il lievito madre ma io non ce l'ho, ho modificato le dosi utilizzando le tabelle di conversione che si trovano su internet; ho usato il lievito di birra fresco, quello in cubetti e il risultato è stato più che soddisfacente! Queste fette biscottate sono buonissime, molto fragranti e non smetteresti mai di mangiarle, per di più sono molto più salutari di quelle che si comprano al supermercato.
Come potete notare dalla foto queste fette sono variegate con l'orzo, ma si possono anche fare in versione tutta bianca.
Infine potete sbizzarrirvi sostituendo percentuali di farina bianca con farina di farro, farina integrale, farina d'avena ma anche con la farina di kamut o la semola di grano duro.
Attenzione però che la pasta con farina integrale lievita di meno quindi le fette biscottate risulteranno più piccole e un po' meno croccanti; consiglio quindi di utilizzare un terzo di farina integrale sul totale e aumentare di 2/3 grammi la quantità di lievito.
Queste fette biscottate possono essere gustate anche dai vegetariani e dai vegani (per loro basterà sostituire il latte con quello di riso).
INGREDIENTI  per uno stampo da plumcake (circa 15 fette biscottate): 300 g di farina (io ho usato 200 g di farina 00 e 100 g di kamut) 15 g di miele (o zucchero o  malto d'orzo) 6 g di lievito di birra fresco 20 g di olio evo 150 ml di latte Un pizzico di sale Per la variegatura: 10 g di orzo solubile PROCEDIMENTO: Sciogliere il lievito di birra nel latte tiepido insieme al miele.
Formare una fontana con la farina e versare il latte al centro, mischiando con una forchetta.
Sciogliere in sale nell'olio e unire all'impasto.
Lavorare a lungo il tutto fino ad ottenere un impasto bello liscio.
A questo punto si procede con la variegatura: si divide l'impasto in due parti, una si lavora aggiungendoci l'orzo solubile e l'altra si lascia bianca.
Stendere con un matterello le due metà e sovrapporle.
Arrotolare i due impasti nel verso della lunghezza e sigillare le estremità.
Mettere a lievitare in uno stampo da plumcake leggermente unto di olio con le sigillature rivolte verso il basso.
Io l'ho messo dentro il forno chiuso e coperto con un canovaccio, così non si hanno sbalzi di temperatura.
Dopo tre ore l'impasto avrà raddoppiato il suo volume e allora è pronto per essere infornato.
Cuocere in forno statico e preriscaldato a 170° per circa 30 minuti.
Eccolo appena uscito dal forno.
Farlo raffreddare bene e poi tagliarlo a fette.
A questo punto si [...]

Leggi tutto l'articolo