Fiesole (FI): Villa San Michele

Leonardo Romanelli Dieci minuti in auto, o in moto, una bella passeggiata di un’ora dallo stadio: tanto dista un altro mondo, come quello del lusso.
Che sarà inaccessibile per molti d’accordo, ma basta poco per poterne godere appieno del piacere.
Un esempio: un cocktail a 13 euro, magari quello dedicato alle rose, essendo ora in maggio la piena fioritura: in tanti locali del centro di Firenze la cifra è similare, ma vuoi mettere il panorama ed il guardino? Villa San Michele rappresenta il luogo di chi non vuole farsi vedere: pensare che sono venuti gli U2 a festeggiare il compleanno di The Edge ed hanno cantato a cappella fa venire i brividi ad un fan come come il sottoscritto, ma anche Paul Mc Cartney che suona il piano..
Si mangia su una terrazza splendida, cucina che privilegia prodotti di stagione, cotture semplici con materie prime ottime.
L’appetizer del momento sono i petali di rosa fritti.
Per iniziare ottima la tartare di scampi scottati servita con fagiolini, gustoso l’astice con insalatine di campo.
Ben calibrate le linguine con vongole e fiori di zucca, profumato e ben eseguito il tonno con pomodorini e capperi.
Pochi voli pindarici, ma tanta sostanza: in cucina Attilio di Fabrizio, in sala Vittorio dall’O, professionisti che operano in loco da più di vent’anni.
Carta dei vini ampia, con molte etichette, non ovvie, servizio impeccabile.
Tre portate sui 120 euro, e sembra di partire lontano

Leggi tutto l'articolo