Filippo Papa continua a far parlare di sè partecipando a due mostre catanesi

AGIRA.
Il giovane fotografo agirino Filippo Papa non smette di far parlare di sé: dopo il successo della sua prima mostra personale, lo studente dell’accademia di belle arti di Catania si è infatti cimentato in altre due esposizioni.
La prima, intitolata “Luoghi Comuni” si è svolta lo scorso 9 giugno al palazzo della Cultura di Catania in via Vittorio Emanuele mentre la seconda denominata “Accademia x Accademia” è stata allestita ancora nella città etnea ma al museo Emilio Greco di piazza san Francesco d’Assisi dove ha aperto i battenti il 4 giugno e chiuderà domenica 17.
Si tratta di due eventi significativi: “Luoghi Comuni” è stata organizzata da un gruppo di fotografi molti dei quali studenti dell’accademia catanese che ha così deciso di patrocinarla.
Gli estrosi fotografi, 13 in totale, si sono impegnati a realizzare 2 scatti che immortalassero due momenti diversi di un luogo che per loro rappresentava l’anima della città.
Nell’occasione Papa ha realizzato in esclusiva per l’evento due lavori concatenati tra loro dal titolo “Macchine e Tempo” e “Uomo e tempo”.
In pratica, in questi due lavori, recensiti positivamente dal quotidiano La Sicilia, Filippo ha immortalato due attimi di vita della città che mostrano due elementi, uno umano e uno di manufatto umano.
La seconda mostra intitolata “AccademiaxAccademia” è invece una collettiva di fotografia e pittura a tema libero organizzata dal G.S.C.
"Gruppo socio culturale" fondato da Emanuele Mollica e formato da studenti dell'accademia.
La mostra è stata organizzata in occasione del 45° anniversario dell’accademia catanese ed ha accolto quasi 50 studenti tra cui alcuni provenienti dall’accademia di Reggio Calabria.
Filippo Papa, che è il coordinatore del suo anno di corso, ha portato un’opera fotografica in esclusiva dal titolo "La materia di una carezza": «Forme umane e naturali –spiega- che descrivono l'interiorità di un gesto e della natura stessa...».
(*LC*) Luca Capuano

Leggi tutto l'articolo