Finalmente un po' di neve anche a Lucera

  Ben venga la neve Con la neve la metamorfosi del mondo avviene in silenzio.
Arriva con un esercito di nuvole soffici a mascherare il cielo per poi scendere, sulla terra fredda, senza far rumore, proprio come i nostri sogni.
Non so se ama gli alberi e i campi che bacia con dolcezza, so, però, di certo, che il buon Dio persino in un fiocco di neve, come in un filo d’erba, non si ripete mai.
Dice un proverbio: Anno nevoso, Anno fruttuoso! Mi auguro che lo si possa estendere anche a tanta povera gente perché possa trovare finalmente un po’ di tranquillità, un lavoro, una casa e tanta salute! Uardanne ‘a néve da ngile ascènne Uardanne ‘a néve ka da ngile scènne, m’assemègghje de vedè nu ‘sèrcete de meljume è mmeljune de uèrrire janghe ka d’u cile patrune sònne è scènnene, nda nu sulènzje sblènnede, linde, ke fjukke de lustre fjurite, leggire, ke dite akkussì duce, akkussì live è kkum’a felinje kè akkarezzèjene sènza tukkà è ss’appòjene akkume a mesale sóp’a ògnèkkòse kè akkussì ‘ddevènde senevuse, ‘legande, delekate è ccenite.
Pòrtene pulizje.
Pòrtene janghe.
Kustringene a’ ‘ttenzjòne.
È timbe lunghe è llemèjene i varve d’i sinze.
‘Na puvesìje sònne de granne purèzze ka d’ò musse d’u cile arrivene, d’a mane de Dìje; ‘na museke sònne ka mbremavére kagnene jummare è jummarèlle dind’a zembunìje de nòtte janghe.
Avarrèmme ‘mbarà da kuilli janghe uèrrire a trasì dind’u kambà de l’avete ke kuèlla grazje e kkuèlla kapacetà de stènne nu véle de bellizze sóp’a ògnèkkòse! Guardando la neve scendere dal cielo Guardando la neve scendere dal cielo, mi pare di vedere un esercito di milioni e milioni di guerrieri bianchi che si impadroniscono del cielo e scendono, in un magnifico silenzio, lenti, con fiocchi di luce fiorita, leggeri, con dita così dolci, così lievi e sottili che sfiorano senza toccare e si posano come una tovaglia su tutto che così diventa sinuoso, elegante, delicato e soffice.
Portano pulizia.
Portano bianco.
Costringono all’attenzione.
Ai tempi lunghi e limano le bave dei sensi.
Sono una poesia di grande purezza che arrivano dalle labbra del cielo, dalla mano di Dio; sono una musica che in primavera trasformano fiumi e torrenti in sinfonie di notti bianche.
Dovremmo imparare da quei guerrieri bianchi ad entrare nella vita degli altri con quella grazia e quella capacità di stendere un velo di bellezza su ogni cosa!    

Leggi tutto l'articolo