Finisce così...

Questo è il regalo che un carissimo amico mi ha fatto trovare per il mio compleannoQuando un certo numero d'anni fa venne ritrovata sotto un cespuglio di rose bianche, nella campagna senese (poiché il tradizionale cavolo madre natura giudicò fosse per lei troppo volgare) nessuno poteva immaginare che avrebbe fatto tanti sconquassi...eppure qualche indizio già si sarebbe potuto rilevare, se non altro da quei pugnetti chiusi che il tenero fagottino agitava minacciosamente verso il cielo...poi crebbe libera come una forza della natura e divenne l'incubo dei poveri animali che popolavano quelle campagne: rospi, serpenti, lucertole, ramarri, furono le sue prime vittime innocenti....
prima che, con l'incedere degli anni decidesse di infliggere i suoi tormenti agli uomini...
Grazie comunque di esistere Mai.esistita, grazie di essere tornata...
per te un mazzo dei tuoi fiori preferiti con tutto il mio affetto.Percorrere un tratto di strada insieme a tutti voi è stato bellissimo...
oggi è il mio compleanno...
mi godrò gli auguri..
i regali..
e mi godrò l'età che passa...
passa lei, non cambio mai io...
lo stesso amico mi ha detto poco fa che io devo sempre soffrire e far soffrire qualcuno...
probabilmente ha ragione..
sarà una malattia genetica...
Sono in grado di soffrire e reggere le mie sofferenze da sola..
non son in grado di sopportare il pensiero che con la mia presenza e con le mie parole possa provocare sofferenza ad altre persone...
persone il cui unico errore è stato quello di trovarsi sulla mia strada...Mai.
vi abbraccia con tanto affetto e vi ringrazia per tutto ciò che mi avete dato..
grazie..
infinitamente grazie.Mai.(cheva)

Leggi tutto l'articolo