Finmeccanica, premier: "Suicida andare contro forza del Paese"

Nelle prime ore di venerdì mattina, i militari del Ros dei carabinieri e del nucleo Tributario della Guardia di Finanza di Roma, hanno effettuto delle perquisizioni nelle sedi di Roma di Enav Spa (l'Ente nazionale di controllo di assistenza al volo), Selex Sistemi Integrati (la controllata di Finmeccanica il cui amministratore delegato è Marina Grossi, moglie del presidente di Finmeccanica, Pierfrancesco Guarguaglini) e di altre società che, nel tempo, hanno acquisito commesse da Enav.
Belrusconi, "tattica suicida" - "Sì, sono preoccupato", ha spiegato il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, "perché Finmeccanica è un asset straordinario.
Ha firmato un contratto con la Russia, mi auguro che queste indagini portino a nulla come sono convinto.
Considero suicida che il Paese proceda contro chi costituisce con la propria capacità operativa la forza del Paese".
Replica dell'Anm - "E' dovere delle Istituzioni", ha commentato il segretario dell'Associazione nazionale magistrati, "collaborare con la magistratura nella difficile azione di contrasto alla corruzione, e non quello di attaccare le iniziative giudiziarie senza conoscerne motivazioni e contenuti.
La corruzione", ha concluso, "è uno dei mali principali del nostro Paese: danneggia l'economia, deprime la concorrenza e allontana gli investitori stranieri".  Le indagini, che ipoteizzano una serie di illeciti fiscali e di irregolarità nell'aggiudicazione degli appalti, oltre alle società coinvolte riguardano i loro manager (Marina Grossi e Pier Francesco Guarguaglini fra gli altri).
Le perquisizioni sono state disposte dai pubblici ministeri di Roma, Paolo Ielo e Rodolfo Sabelli, coordinati dal procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo (i titolari delle indagini sugli appalti Enav al gruppo Finmeccanica, pari a 700 milioni di euro negli ultimi cinque anni.
Le accuse - Le contestazioni a carico di Luigi Martini (presidente Enav), dell'ad Guido Pugliesi e della Grossi sono connesse ad una serie di reati fiscali.
Gli inquirenti ritengono che in un giro di appalti affidati all'Enav siano state compiute sovrafatturazioni tese alla creazione di fondi neri.
Le inchieste - Quelle aperte dalla procura romana sull'Ente di assistenza al volo sono almeno due.
La prima nasce dalla denuncia di un ex dipendente, Claudio Salvati, che ha messo in discussione i bilanci della società.
L'inchiesta avrebbe anche messo al vaglio l'acquisizione, nel dicembre 2006, di Vitrociset (oggi Techno Sky) da parte dell'Enav per circa 100 milioni.
La seconda e più recente inchiesta, per la [...]

Leggi tutto l'articolo