Fiori del male senza gloria

 Uno degli incipit più belli della letteratura americana recita:Era una di quelle domeniche di mezza estate in cui tutti se ne stanno seduti e continuano a ripetere: "Ho bevuto troppo ieri sera".*。Di bevute sconsiderate, io e la mia amica, ce ne concedevamo tante; era convinta che l'alcol ci avrebbe aperto a forme di visionarietà altrimenti precluse e la cazzata preferita era:- Pensa a Baudelaire, come credi che abbia fatto a diventare immortale?- Mi stai dicendo che dobbiamo diventare alcoliste per accedere a non so quali paradisi artificiali e magari scrivere i nostri fiori del male?- No, ti sto dicendo che due o tre cocktail nei weekend non hanno mai destabilizzato nessuno.Studiavamo lingue, quindi le lettere erano il nostro pane quotidiano ma mi sfugge il motivo per il quale la mia amica era andata convincendosi che con l'esercizio avremmo potuto pubblicare un libro a quattro mani; tuttavia, conscia del fatto che la pratica da sola non sarebbe bastata, confidava in un qualche s...

Leggi tutto l'articolo