Firenze: Aste da Maison Bibelot

Sei sessioni fra antiquariato, arte e design contemporaneo, vintage nell’asta del 10/11/12 ottobre da Maison Bibelot.
Esposizione dal 5 al 7  ottobre nella sede di Corso Italia e a Palazzo Guicciardini Strozzi La stagione autunnale  della Casa d’Aste fiorentina, si inaugura con un importante asta che abbraccia antiquariato e contemporaneità.
Apre la prima sessione con una consistente presenza d’importanti lotti d’arte contemporanea, dalla più significativa  scultura italiana con due grandi del ’900: Francesco Messina e Quinto Martini, da giugno presente nella collezione del Museo Ermitage e la pittura con olii, acquarelli, tecniche miste, smalti  di Giulio Turcato, Mario Tozzi, Umberto Lilloni, Renato Gottuso, Umberto Lilloni, Mario Schifano, Emilio Scanavino, Giuseppe Capogrossi, Vinicio Berti, Gualtiero Nativi , la grafica di Picasso e Chagall.Di Francesco Messina, protagonista di una splendida mostra fiorentina a Villa Bardini, saranno battuti due pregevolissimi bronzi di due dei suoi soggetti preferiti i cavalli e le ballerine Purosangue bronzo patinato verde del 1982 37x53x12 valutazione 3.000 € Ballerina  un espressivo nudo bronzeo su base lignea 20 x 43 x 22, valutazione 3.000€.
Di Quinto Martini un delicato nudo femminile in bronzo cm 40, valutazione 5.500 €Fra i maestri della pittura: l’astrattista Giulio Turcato con -Orme- un  olio su tela  dagli smaglianti colori e d’importante dimensione 100 x 70, valutazione 8.000€ e il  figurativo/metafisico  Mario Tozzi, artista di grande talento ammirato anche da Picasso e protagonista negli Anni Trenta, in asta gentile -Ritratto di fanciulla- del 1947 , olio su tela  33 x 24 valutazione 10.000 €; Velieri a Bocca di Magra, un olio su tela 50x 70 datato 1955 di Umberto Lilloni, pubblicato valutazione 4.000€; Emilio Scanavino -Ricordi- tecnica mista su carta applicata a tela  36×32 valutazione 4.000€; Giuseppe Capogrossi  -Riposo- matita e acquarello  su carta 22×22,5 valutazione 8.000€; di Mario Schifano, due smalti su tela 70×100 -Senza titolo- valutazione 4.500€; Gualtiero Nativi -Due tempi- grande tempera su tela del 1966 cm 100×160 (valutazione 5.000 €) .Il design contemporaneo si presenta particolarmente interessante sopratutto per quanto riguarda la luce: dal primo Novecento con la  piantana Tiffany Studios N.Y.619 (valutazione 4.000 €) agli Anni Quaranta con una rara ed elegante piantana di P.
Chiesa per Fontana Arte (valutazione 4.000€ );degli Anni [...]

Leggi tutto l'articolo