Firenze: Il Chianti dei Colli Fiorentini a Verona

A Vinitaly il Chianti Colli Fiorentini presenta una novità nell’etichetta che, a partire dall’annata 2012, caratterizzerà le bottiglie dei soci del Consorzio.Un restyling che, pur mantenendosi in continuità con la storia e la tradizione del vino di Firenze, ne aggiorna e semplifica la linea: rinunciando infatti alla parola Consorzio, l’elemento grafico evidenzia il suo andamento sinuoso e, soprattutto, mette definitivamente al centro il brand distintivo della denominazione: Firenze.Una scelta che si riverbera anche nelle novità che verranno presentate allo stand della kermesse veronese: a partire dallo stand, che si rinnova nell’aspetto e porta in primo piano un grande skyline del capoluogo toscano.
A rimarcare la centralità del collegamento con Firenze, inoltre, lo spazio espositivo del Chianti Colli Fiorentini proporrà anche diversi elementi visivi che celebrano i più rappresentativi monumenti della città, come Palazzo della Signoria, Ponte Vecchio, il Duomo e Santa Croce.«La presenza sempre più incisiva della città non è solo una scelta di marketing.
Naturalmente essere l’unica zona specifica del Chianti a potersi fregiare di un brand come “Firenze” ha un peso elevato nella strategia per il posizionamento del nostro vino – ha commentato Marina Malenchini, presidente del Consorzio – Si tratta piuttosto di un ritorno alle origini: il chianti dei colli di Firenze è sempre stato quello bevuto in città: un vino di pronta beva, adatto a tutte le occasioni e profondamente legato al territorio.
Ciò che vogliamo fare è proprio tornare a celebrare questo connubio, nella convinzione che esso rappresenti un valore condiviso».Nell’area dedicata al Chianti Colli Fiorentini, Padiglione 8 - C13, saranno in degustazione i vini di tutti i soci della Denominazione e sempre presso lo stand sarà possibile incontrare i rappresentanti del Consorzio e i produttori stessi, per conoscere meglio i vini prodotti sotto l’egida del leone rampante.Rinnovando l’appuntamento con la fiera veronese, a cui partecipa ininterrottamente sin dal 1994, anno della sua fondazione, il Consorzio testimonia l’impegno per la tutela di questa denominazione, che rappresenta un valore per tutto il territorio di riferimento.
  

Leggi tutto l'articolo