Flashback dal mio viaggio al Cairo

  Flashback dall'ultimo dei miei viaggi in Egitto (fine maggio 2008) Nello slide show troverete le foto scattate al Cairo, alle sette del mattino di un giorno feriale, un tragitto avventuroso sotto il soleone, durante il tragitto in autostrada, prima della visita della Cittadella, la Moschea, il Gran bazar, e le Piramidi.
...
sorrido al pensiero della caccia ai ricordi del passato, probabilmente non troverò nessun cambiamento, ma l’eccitazione di scoprire una nuova porta, al di là della quale si intravede il mistero che pervade ogni angolo d’Egitto, dalla Piana di Giza a Saqquara...
mi chiedo come siano riusciti a tagliare quegli enormi massi con i quali costruirono le piramidi!Supero la calca pressante e ordinata di turisti in fila per la visita al Museo Egizio, le videocamere e le macchine fotografiche lasciate diligentemente nella hall, assieme ai souvenirs e magliette sulle quali leggo: I love Egypt.  Vorrei poter ritornare al Cairo...
e bearmi delle opere esposte al Museo Egizio.  Egitto, il Cairo dalla Cittadella alle Piramidi  CAIRO (Reuters) - L'esercito egiziano, scaduto l'ultimatum di 48 ore, ha deposto il presidente Mohamed Morsi e lo sta trattenendo in una struttura militare mentre altri leader dei Fratelli Musulmani sono stati tratti in arresto in quello che l'Onu, gli Usa e le altre potenze mondiali non bollano come un colpo di Stato.
L'intervento dei militari è infatti sostenuto da milioni di egiziani che hanno protestato nelle piazze, inclusi i leader liberali e religiosi che aspettano ora nuove elezioni con un diverso sistema di regole.
Tuttavia l'intervento dell'esercito, che ieri ha sfilato con carri armati intorno al Palazzo presidenziale e ha sospeso le trasmissioni delle tv vicine a Morsi, fa temere a molti che le speranze riposte nella Primavera Araba finiscano tornando a un regime, come quello lunghissimo di Hosni Mubarak, dopo le prime elezioni democratiche del Paese che lo scorso anno hanno portato al potere i Fratelli Musulmani.
Intanto proseguono gli scontri in strada nei quali sono rimaste uccise almeno 14 persone e si contano diverse centinaia di feriti.  Le proteste contro il governo Morsi si sono inasprite domenica scorsa quando milioni di egiziani si sono riversati nelle strade chiedendo le sue dimissioni.
L'accusa ai Fratelli Musulmani è quella di aver tradito la rivoluzione, rafforzato i propri poteri senza alcun risanamento dell'economia del Paese.
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.

Leggi tutto l'articolo