Foggia, incendio in una baraccopoli. Morti due migranti

Foggia, incendio in una baraccopoli. Morti due migranti: “Non doloso”. Salvini: “Sangue sulle mani della sinistra”
















Due giorni fa era iniziato lo sgombero del cosiddetto Gran Ghetto, tra Rignano Garganico e San Severo, tra le proteste di 200 migranti. Emiliano: "Procedere senza indugio alla chiusura"


di F. Q. | 3 marzo 2017



Un incendio di vaste proporzioni ha distrutto una baraccopoli nel foggiano, tra Rignano Garganico e San Severo. Nel rogo al cosiddetto ‘Gran Ghetto’, abitato da alcune centinaia di migranti impegnati nella raccolta dei prodotti agricoli nelle campagne della zona, sono morti due uomini del Mali. Molte bombole di gas, usate dai migranti per scaldarsi e cucinare, sono saltate in aria e hanno contribuito a rendere ancora più pericolosa la situazione. Dopo una mattinata di indagini, nel primo pomeriggio la procura di Foggia ha escluso la matrice dolosa. E tra l’altro non è la prima volta che il Ghetto va a fuoco: eran...

Leggi tutto l'articolo