Fondo di solidarietà contro la crisi a Borgomanero

Nella seduta di martedì 3 marzo, il consiglio comunale di Borgomanero (Comune amministrato dal centro-destra in provincia di Novara) ha approvato all’unanimità una mozione che impegna la giunta a istituire un “Fondo di solidarietà sociale per far fronte alla crisi occupazionale nella città di Borgomanero”.
Questa proposta, sottoscritta da tutti i gruppi consiliari, è stata elaborata come emendamento da Gabriele Caione, capogruppo di Sinistra Democratica in consiglio comunale, il quale ha deciso di trasformarlo in una mozione condivisa, al di là delle appartenenze politiche, per affrontare nel modo più efficace la crisi economica che strangola anche il borgomanerese.
I criteri di accesso a tale fondo – che prevede uno stanziamento iniziale di 50.000 € - saranno stabiliti da una commissione apposita, a cui parteciperanno le parti sociali.
Le motivazioni di questo provvedimento sono sotto gli occhi di tutti.
La crisi economica attuale ha entità e durata difficilmente valutabili: dall’esplosione della bolla finanziaria in breve tempo ha colpito in modo pesante anche le aziende dell’alto novarese – una zona che ha sempre retto economicamente, anche nei momenti più difficili degli ultimi anni – si pensi che in provincia di Novara si è passati da 8.000 ore di cassa integrazione ordinaria a gennaio 2008, a 236.000 ore a gennaio 2009.
Sono state colpite note aziende del territorio borgomanerese e dei comuni limitrofi, mettendo in crisi molti bilanci famigliari e di conseguenza il settore del commercio, forza trainante dell’economia cittadina.
La necessità di istituire un Fondo di Solidarietà Sociale è evidente, ma è importante – come deciso nel caso di Borgomanero - che sia finalizzato solo ed esclusivamente a tamponare le situazioni di emergenza che si vengono a creare nelle famiglie dei lavoratori a seguito della messa in cassa integrazione o addirittura della perdita del lavoro.
Sinistra Democratica attua - attraverso provvedimenti concreti - il suo programma di sostegno al mondo del lavoro e alle fasce più deboli della popolazione.
Il caso di Borgomanero dimostra come sia importante avere rappresentanti istituzionali di sinistra a tutti i livelli, perché solo attraverso la politica e le istituzioni è possibile agire concretamente per la costruzione di una società più giusta e solidale.
di Sergio Cavallaro Consigliere Regionale SD Piemonte

Leggi tutto l'articolo