Forte dei Marmi (LU): L'Oro dei Marmi

  A Forte dei Marmi Thomas Mann ambientò il racconto “Mario e il Mago”, che poi Luchino Visconti, spesso ospite al Forte tradusse in pièce teatrale.
Qui Aldous Huxley ambientò il suo romanzo “Foglie Secche”.
Qui, Henry Moore lavorava ai propri capolavori.
Qui, allʼombra del Quarto Platano, Enrico Pea con Giuseppe Ungaretti, Eugenio Montale, Carlo Carrà, Ardengo Soffici, Roberto Longhi, Giuseppe De Robertis, Anna Banti e moltissimi altri scrittori e artisti dellʼepoca, davano vita ad accese discussioni sulla poesia, sullʼarte e sulla cultura.Qui, le grandi famiglie dellʼaristocrazia industriale europea, come i Siemens e gli Agnelli trascorrevano le proprie estati.
A Forte dei Marmi si è sviluppato uno dei centri culturali più esclusivi e ambiti al mondo, dove la creatività degli intellettuali si esprimeva e si esprime in maniera spensierata e libera.
Questo grazie alla passione, alla tenacia e alle scelte, di alcune centinaia di persone che dalla fondazione, nel 1914, lo hanno reso il luogo unico e speciale che oggi è.
Forte dei Marmi, con le sue piccole storie, rappresenta una parte importante della Storia italiana e proprio per questo deve essere precursore nel saper far vivere quelle storie nel presente e renderle risorsa preziosa per il futuro.Non vogliamo però guardare a unʼetà dellʼoro che ormai non cʼè più, ma comprenderne le fondamenta per costruire su di esse un futuro aperto ai grandi e veloci cambiamenti del mondo di oggi.Per questo nasce “LʼOro dei Marmi”: un progetto di comunicazione più che un evento, un vero e proprio laboratorio dedicato allʼidentità e alla comunicazione di Forte dei Marmi.
Del resto, in un mondo sempre più globale, per rimanere dei punti di riferimento, è necessario riscoprire le proprie radici e saperle comunicare in modo universale.Unʼʼoperazione nuova più per le modalità che per i contenuti, che sono solo lì ad attendere di essere raccontati.
Il processo di realizzazione dellʼevento è però la chiave di questo lavoro, dal coinvolgimento delle giovani risorse del territorio, impegnate nellʼattività di ricerca, a quello dellʼintera cittadinanza, con i propri racconti, ricordi ed emozioni, fino alle attività produttive per le quali si apre lʼopportunità di promuovere i propri esercizi in un contesto attento al territorio, integrato e innovativo.Il laboratorio di ricerca creativa diviene quindi il centro di questo progetto; è qui che un gruppo di giovani della Versilia possono confrontarsi e apprendere un mestiere sotto la guida del [...]

Leggi tutto l'articolo