Fra sci e città imperiali

Il viaggio ideale in Marocco per chi vuole a tutti i costi sciare un paio di giorni sull'Atlas, o magari anche tre, può cominciare e finire a Marrakech.
L'itinerario si può scegliere e tracciare anche da soli.
Scegliendo magari di arrivare a Casablanca, trascorrere un giorno nella leggendaria città sul mare e poi scendendo in treno - fantastica la nuova stazione di Marrakech - verso sud con un viaggio di circa tre ore.
Marrakech non ha ormai più segreti per nessuno.
Gli alberghi sono di primissima categoria, e non solo il fantastico Mamounia, ma sono molto belli anche gli appartamenti che si affittano a prezzi davvero interessanti.
Per chi ama il golf le proposte sono tantissime, sparse poco fuori città, ma chi vuole le escursioni in cammello - o meglio dromedario - o in quad ci sono dei piccoli posti appena fuori Marrakech che sono strabilianti, come per esempio il Mirage (Kasbah Le Mirage - www.kasbahlemirage.com), o il più classico hotel di lusso Atlas Targa&Resort (www.hotelsatlas.com) dove una camera doppia non costa più di 120 euro a notte per due persone.
La cucina è buona e la piscina con i suoi giochi d'acqua è indimenticabile.
Non sta a me dirvi cosa visitare a Marrakech, l'itinerario potete disegnarvelo da soli: io posso dirvi casomai cosa non dovete dimenticarvi di vedere.
Per prima la piazza Jemaa el Fna, straordinaria in ogni ora del giorno - poi sicuramente a pochi passi dalla piazza - la Koutoubia, i palazzi El Badi e Bahia, solo per citare alcuni posti degni di nota.
Se poi avete una giornata a disposizione ecco qualcosa di alternativo e un po' fuori dagli schemi.
Lasciate Marrakech e salite verso la provincia di El Haouz, a circa 40 km dalla città - diciamo meno di un'ora di macchina- troverete Terres d'Amanar un parco avventura e sopravvivenza aperto dal francese Jean Martin Herbecq.
Ponti tibetani, escursioni in mountain bike, carrucole e ogni tipo di divertimento e di avventura vi aspettano in questo parco incantato di giochi che si apre in mezzo a cactus ed olivi (www.terresdamanar.com ).
Assaggiate il suo olio e magari chiedetegli di prepararvi il pane: sottili focacce cotte nei forni in terracotta che il vostro palato non dimenticherà mai più.
Un'ultima cosa, ma davvero importante.
Tutte le foto di questo servizio sono di Barbara Goio, collega di inestimabile valore perchè con la sua mini macchinina ha sparato foto a ripetizione, senza sosta e questo è l'ideale per illustrare un blog.
Senza di lei non avrei potuto farcela perchè la mia macchinina fotografica, la mia piccola Nikon [...]

Leggi tutto l'articolo