Frana la Costiera, dispersa una 25enne guarda i video 1-1-3- in fondo pagina

Tracima il fiume Dragone, sconvolta la costiera amalfitana Proseguono le ricerche di una giovane barista di Minori Il sindaco: ho temuto che il paese potesse essere sommerso   Continuano le ricerche di Francesca Mansi, la giovane barista scomparsa ieri ad Atrani, in Costiera amalfitana,  Le ruspe portano via il fango dalla piazzetta dove si trova il bar dove lavorava la ragazza e i cani della polizia sono in azione per trovare tracce.
La giovane ha 25 anni ed è originaria del vicino comune di Minori.
Nessuna traccia della ragazza.
Il bar è stato svuotato, ma all'interno nessuna traccia della giovane.
I sommozzatori dei vigili del fuoco perlustrano la laguna che si è formata sulla spiaggia del paese e il tratto di mare di fronte.
Il lavoro è reso difficile dalla pioggia che continua a cadere.
Alla fine degli anni Ottanta c'era stata un'altra esondazione del Dragone ad Atrani, con una vittima.
Ricerche anche in mare.
Ricerche, a terra e in mare, per ritrovare Francesca Mansi.
A terra le ricerche si stanno concentrando soprattutto negli edifici vicini al bar "Le risacche" dove la 25enne si trovava al momento dell'arrivo della colata di fango.
Sul posto tre squadre del vigili del fuoco di Salerno più una sezione operativa di Napoli.
In mare, invece, è in azione il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco e della guardia costiera con il supporto delle vedette della Guardia costiera e di un elicottero dei vigili del fuoco.
Il racconto del titolare del bar.
Ha avuto paura, tanta, Lello Rispoli, il titolare del bar La Risacca colpito in pieno, ieri, dall'ondata di fango che ha devastato il comune.
In quello stesso bar c'era Francesca Mansi, 25 anni, che ora risulta dispersa.
Antonio, il figlio 22enne, riporta il racconto del papà.
«Mi ha detto che stavano nel bar, con la porta chiusa, quando l'ondata di fango ha spaccato tutto ed ha invaso tutto - dice Antonio - è stato allora che mio padre è salito sul bancone, si è aggrappato al lampadario, a tutto quello che si trovava a portata di mano pur di non farsi trascinare dall'acqua e dal fango».
«Certo, ha avuto paura di morire - aggiunge Antonio - con lui c'era Francesca, in un attimo non l'ha vista più».
Il bar, che si trova proprio nella piazzetta del bellissimo comune della Costiera amalfitana, è completamente distrutto.
Lello ha perso tutto, anche il telefono cellulare.
Ma ora non importa.
Ora quel che conta è trovare Francesca: «Lavorava con noi in estate, è una bravissima ragazza, preghiamo per lei».
Il sindaco: ho temuto intera distruzione.
Per un attimo [...]

Leggi tutto l'articolo